Giancarlo Sani

Giancarlo Sani

Collaboratore del progetto

Referente per la regione Toscana

 

Giancarlo Sani è nato e vive a Empoli (Firenze). Da alcuni anni si dedica allo studio dei segni dell’uomo in ambiente montano e in particolare alla ricerca, catalogazione e studio delle incisioni rupestri presenti in Toscana. Ha al suo attivo numerosi articoli a carattere divulgativo e scientifico, alcuni suoi lavori sono stati presentati a convegni internazionali e simposi sull’arte rupestre. E’ coautore con Adolfo Zavaroni e l’’Associazione Culturale Armonia del libro La Valle delle rocce Sacre, edito nel 2007. Nel 2009 ha pubblicato I Segni dell’Uomo – Incisioni rupestri della Toscana, corpus dei graffiti presenti sui rilievi montuosi della Toscana. Nel libro Le rocce dei pennati – Sulle tracce delle rocce sacre dei Liguri – Apuani (2011) getta uno sguardo affascinato e curioso intorno ai segni dei "pennati" incisi sulle rocce delle Alpi Apuane. Segue il volume dal titolo Il Balzo alle Cialde (2012), dedicato alle incisioni rupestri della Val di Lima. Nel 2013 pubblica Ca’ d’Diana dove illustra antichi graffiti rupestri in una grotta della Lunigiana e Gli Sciamani di Poggio Castellare una testimonianza di rocce istoriate tra emergenze storiche - archeologiche lungo un’antica via transappenninica. Nel Giugno 2014 vede la stampa La Cresta dell’Omo scritto con Alessandro Bernardini e Pietro Giannini, un volume che illustra la storia, l’archeologia, l’antica viabilità e le incisioni rupestri dell’Alta Val di Lima. La sua ultima fatica La Memoria della Roccia – nuovi siti con incisioni rupestri sulle montagne toscane (2016) è il secondo organico lavoro di catalogazione e riconoscimento dei graffiti e delle incisioni su roccia delle montagne toscane, dove getta uno sguardo affascinato e curioso intorno a questi enigmatici segni che gli uomini del passato ci hanno lasciato in eredità, con il loro carico di fascino e mistero.

Nel 2011 ha fondato il Centro Arte Rupestre Toscano. Nel 2015 è stato eletto membro del Comitato Scientifico del CAI Toscana. E’ socio della sezione CAI Valdarno Inferiore “Giacomo Toni”, E’ socio dell’Associazione Archeologica del Medio Valdarno di Empoli.