ASCOLI PICENO

ASCOLI PICENO

Due piccoli esemplari in verticale si trovano sull'intonaco sottostante la cornice di un affresco situato nella chiesa di S. Andrea Apostolo, in Via della Fortezza, 35. La chiesa è sconsacrata ed è di proprietà del Comune. Risale al XIII secolo e nei vari anni fu oggetto di trasformazioni sia nell'ambiente che nell'uso. Il fianco sinistro, in origine affrescato, presenta un portale la cui lunetta è arricchita da un altorilievo con la raffigurazione della Madonna in trono con Bambino e Santi in pietra policroma. L'interno,ad una sola navata, conserva resti di affreschi risalenti alla fine del XIII secolo, tra i quali si segnala una tra le più antiche immagini di Sant'Emidio (v. link risorsa).

L'esemplare a sinistra nella foto di apertura misura appena 3 cm x 3 cm; l'altro (a destra nella foto) misura 7 x 5 cm. Presenta i tratti approssimativi, tanto che gli incroci non risultano nemmeno rispettati. Furono eseguiti a mano, verosimilmente come elemento simbolico lasciato dai pellegrini (?). Esemplari di alquerque di piccole dimensioni e non aventi funzione ludica si trovano alla base del cero pasquale all'interno della chiesa abbaziale di S. Maria di Arabona a Manoppello (PE), v. scheda.

Sopra, il bellissimo affresco pertinente la chiesa di S.Andrea ad Ascoli Piceno. Sotto, il dettaglio della zona sotto la cornice dell'affresco stesso, in cui sono incisi i due piccoli alquerque

Sono i primi esemplari di alquerque documentati nella regione Marche.

  • Segnalazione e foto: Piersandra Dragoni (2 ottobre 2017), che ringraziamo vivamente
  • Scheda inserita da M. Uberti il 03/10/2017