I giochi incisi di Conza della Campania (AV)

 (a cura  Antonia Maraffino e Pro loco "Compsa" di Conza della Campania. Alla ricerca ha contribuito Tino Coviello, referente CSTC per la regione Campania)

 

L’interesse per lo studio della Triplice Cinta nasce dalla scoperta di queste presso il Parco Storico e Archeologico di Compsa. Ne sono presenti, infatti, numerose tracce nei pressi della Croce Monumentale, all’ingresso del Parco, e sulla scala di accesso alla cripta della Cattedrale.

 

                  

Nei pressi della Croce Monumentale sono presenti 7 esemplari, tutti posizionati sulla superficie della base della croce stessa, come indicato nella figura sottostante:

Pianta della Croce monumentale

 


                                                                                                1. Triplice cinta (22x19cm]

                                                                                             2. Triplice cinta [22x19 cm]

                                                                                            3. Triplice cinta [22x19 cm]

                                                                                                       4. Tris [13x15cm]

                                                                                                     5. Tris [13x15 cm]

                                                                                                  6. Tris (?) [12x13cm]

                                                                                                       7. Alquerque

                                                                      particolare Alquerque (o TC sovrapposta ad altra incisione?)

 

Poco distante dalla Croce, su un breve scalone, è presente un altro esemplare di TC.

                                                                                             Triplice cinta (19x20 cm)

 

La Croce Monumentale risale al 1741.Non è questa la data da prendere in considerazione per datare la pietra che ne fa da piedistallo e che ha conservato le TC. Conza della Campania, dal principio della sua nascita o, più precisamente, fin dalla prima ubicazione sul colle, è stata soggetta numerose volte a violenti terremoti che ne hanno decimato la popolazione e distrutto abitazioni, edifici etc. La rapida ricostruzione portava gli abitanti e maestranze ad utilizzare, il più delle volte, massi di pietra o  blocchi già presenti, spesso senza tener conto del valore o di cosa rappresentassero. Quindi, molto probabilmente, si tratta di pietre di riutilizzo disposte alla base della croce; non si sa, però precisamente quando ciò sia avvenuto; sappiamo che fino agli anni '50 del XX secolo circa, i giovani conzani ancora usavano passare il loro tempo libero giocando su questi tavolieri.

Altri tre esemplari, di cui uno poco visibile, si trovano sugli scalini che portano alla Cripta della Cattedrale di S. Maria Assunta in Cielo :

 

 

 

1

2

 

3

Pianta della scalinata - collocazione TC

Nel dettaglio :

                                                                                         1. Triplice cinta [22x19 cm]

                                                                                            2. Triplice cinta [22x24 cm ]

                                                                                             3. Triplice cinta [19x19 cm ]

 

Sulla scalinata che dà l'accesso alla Cattedrale, è presente un' incisione a croce probabilmente pertinente ad una TC (o un tris?) andata ormai perduta:

                                                                                                        Scala d'accesso

                                                                                     Particolare  [14x 14 cm ]

Infine, sempre su una scalinata, questa volta che dà accesso al campanile, non è passato inosservata un ultimo esemplare di TC :

                                                                                             Triplice cinta [15x13 cm]

Anche qui vale lo stesso discorso delle pietre di riutilizzo; fu la Cattedrale, infatti, a subire i danni più gravi ed essendo stata ricostruita svariate volte, risulta difficile datare la posa di tali pietre di riutilizzo nell'attuale posizione, di sicuro poco indicata per giocare.